Scampoli di me.

Ogni volta la stessa cosa. Ti senti esplodere e fai l’esercizio. Ti fermi, ovunque tu sia, e ti ascolti il cuore. Metti la mano destra sul seno sinistro e tendi l’orecchio dell’anima. Com’è che la vita pompa così forte e lui neanche se ne accorge? Cerchi nel pedante eclettismo dei pistacchi appena arrivati dall’Iran uno sfogo alla tua impotenza di fronte alla meticolosa crudeltà della natura e immagini di essere il bandolo della matassa di chicchessia. Sentirsi utili fa sempre bene.

Continua a leggere